Installazione di depositi di gas di petrolio liquefatti

Il 4 maggio 2017 è stato siglato l'accordo tra Governo, Regioni ed enti locali con il quale è stato deciso di adottare nuovi moduli, unificati e standardizzati, per presentare segnalazioni, comunicazioni e istanze nei settori dell'edilizia e delle attività commerciali.

Nel rispetto delle tempistiche stabilite dalla norma, a partire dal 30 giugno non sarà più possibile inviare istanze con la vecchia modulistica, comprese quelle che erano in fase di compilazione .

 

 

Entro venerdì 30 giugno tutti gli Sportelli utilizzeranno per l’invio delle pratiche contestuali a Comunica StarWeb la nuova versione dei servizi di interoperabilità messi a disposizione dalla Camera di Commercio.
Per completare la pratica ti verrà chiesto di scaricare e firmare la Distinta del modello di riepilogo, un riassunto delle informazioni inviate che viene generato automaticamente dallo Sportello Telematico.

Cos'è: 

Installazione di depositi di gas di petrolio liquefattiGli impianti di riempimento, travaso e deposito di GPL sono disciplinati dal Decreto Legislativo 22/02/2006, n. 128. Sono esclusi gli impianti di distribuzione stradale destinati all'autotrazione.         
Il Decreto Legislativo 22/02/2006, n. 128 prevede anche la semplificazione delle norme per installare i depositi di GPL di capacità complessiva non superiore a 13 m3.

Istanze edilizie che abilitano all'esecuzione dell'intervento.
Descrizione dei titoli abilitativi: 

L'installazione dei depositi di gas di petrolio liquefatti di capacità complessiva non superiore a 13 m3 può essere eseguita senza alcun titolo abilitativo. Devono però essere rispettate:

  • le prescrizioni degli strumenti urbanistici comunali
  • le altre normative di settore con incidenza sulla disciplina dell'attività edilizia
  • le norme antisismiche, di sicurezza, antincendio, igienicosanitarie e quelle relative all'efficienza energetica
  • le disposizioni contenute nel codice dei beni culturali e del paesaggio di cui al Decreto Legislativo 22/01/2004, n. 42

Pur non essendo richiesto alcun titolo abilitativo, il cittadino può comunque presentare comunicazione per interventi edilizi liberi per notificare al Comune l'esecuzione dei lavori.

Comune AveraraComune BraccaComune BranziComune Camerata CornelloComune CaronaComune CassiglioComune CornalbaComune CusioComune DossenaComune Isola di FondraComune LennaComune MezzoldoComune Moio de' CalviComune Oltre il ColleComune OrnicaComune PiazzatorreComune RoncobelloComune Santa BrigidaComune SedrinaComune ValnegraComune Valtorta

 

 

 

 

 

 

 

Copyright© Aggregazione comuni brembani - Tutti i diritti riservati

Lo Sportello telematico unificato  |  Diritti e Privacy  |  Credits